Iscrizione all'anagrafe di cittadini stranieri comunitari

I cittadini europei che vogliono stabilirsi in Italia, trascorsi tre mesi dall'ingresso, devono chiedere l'iscrizione all'anagrafe del Comune di residenza. Per i soggiorni inferiori a tre mesi non è richiesta alcuna formalità.

Per l’iscrizione è necessario presentare la documentazione elencata nell'Allegato B

Nel caso in cui non sia svolta attività lavorativa, è necessario dimostrare la disponibilità di risorse economiche sufficienti al soggiorno ed essere titolari di un'assicurazione sanitaria privata.
 

Limite di reddito per l'anno 2014 mensili Numero componenti
€ 5.818,93 (annui) €447,61 Solo richiedente
€ 8.728,395 (annui) €671,41 Richiedente + 1 familiare
€ 11.637,86 (annui) €895,22 Richiedente + 2 familiari
€ 14.547,32 (annui) €1.119,02 Richiedente + 3 familiari
€ 17.456,79 (annui) €1.342,83 Richiedente + 4 familiari
€ 11.637,86 (annui) €895,22 Richiedente + 2 o più minori di 14 anni
€ 14.547,32 (annui) €1.119,02 Richiedente + 2 o più minori di 14 anni e 1 familiare)

I comunitari, dopo cinque anni di residenza, possono ottenere il diritto di soggiorno permanente, che garantisce la totale parità con i cittadini italiani.

Familiari stranieri di cittadini comunitari
I familiari del cittadino comunitario non appartenenti alla comunità europea devono, per i soggiorni di durata superiore a tre mesi, chiedere la carta di soggiorno, allegando i seguenti documenti: documento d'identità o passaporto ed eventuale visto d'ingresso documento che attesti la qualità di familiare l'attestato della richiesta d'iscrizione anagrafica del familiare cittadino comunitario. Dopo cinque anni di permanenza continuativa, potranno chiedere la carta di soggiorno permanente. La richiesta deve essere inoltrata prima della scadenza della carta di soggiorno, alla Questura del luogo di residenza.